Categorie
fineart photography Fotografia fotografo street photography

mostra fotografica

mostra fotografica… chi l’ha detto e chi l’ha scritto

Le tue foto parlano (Franco)
Hai saputo cogliere l’anima di Napoli
(anonimo)
Mai fermarsi ma combattere e andare avanti
(bambino di 12anni)
In un momento per me doloroso, questa mostra mi ha tirato su il morale
(anonimo)
Posso fare i complimenti all’artista? (risposta) Artista? fotografo! (replica): bhè, qui c’è dell’arte
(visitatore sconosciuto)
Dal vivo sono tutta un’altra cosa
(Bruno)
L’hai fatte tu?
(+ di qualcuno)
Togli immediatamente quella dove ci sono io!
(nessuno, fino a mó)
Nelle foto (mie) non cercare la perfezione, toglierai solo tempo alle sensazioni 
(io)
riguardando con attenzione le foto della mostra, ho una sola parola: meravigliose. Ho anche qualche altra parola: fanno riflettere, il chè non è poca cosa.
(Betty)

ma che non suscita interesse ad esporla in coloro a cui viene proposta di ospitare .


descrizione:

Gentes

Sono circa tre dozzine di

Street Photography

realizzate nel centro storico di Napoli a partire da gennaio 2016, che ritraggono fotogrammi di ordinaria quotidianità a Spaccanapoli e quartieri limitrofi.

tap qui sopra per l’anteprima del progetto

il mondo è fatto a scale

c’è chi continua con c’è chi scende e c’è chi sale; io invece dico c’ho le prove!
È composto da circa una dozzina di fotografie

fine art photography

(e qualche Street) realizzate generalmente in Molise, e che vogliono rappresentare le difficoltà, le incomprensioni, le aspettative disattese,… la solitudine… con cui, più o meno sistematicamente, occorre convivere (con tutto il necessario rispetto verso chi è costretto ad affrontare dure sfide).

tap qui sopra per l’anteprima del progetto

Le esposizioni potranno essere realizzate nelle location individuate, o su richiesta in location proposte (tap qui per i contatti); se il tempo (atmosferico) lo consente… anche all’aperto.
nel loro insieme “non sono” per i socials (Dio ce ne scampi e liberi) e le fotografie realizzate per la mostra fotografica andrebbero osservate… stampate e nella loro composizione.


La larghezza dello spazio necessario per l’installazione completa è di 11-12mt per 2 di altezza (più o meno). I sets sono riducibili per ridurre lo spazio necessario all’esposizione.
I files sono disponibili per stampe in dimensioni e supporti diversi da quanto già fisicamente disponibili.

Categorie
Fotografia fotografo

si accettano miracoli

I have a dream!
Quale sogno? No, non é l’essere annoverato tra i grandi come fotografo (non ho tale presunzione), ma sogno un futuro dignitoso per un disabile,… per chi dicono che “normale” non è. Un ruolo, magari da modello, per Frankie in questo film dovrà pur esserci…
non può essere destinato ad essere additato esclusivamente come disabile e accantonato perché ritenuto “idoneo a niente”!

Frequentemente vedo in tv ciò che i suoi coetanei riescono a fare con le loro esibizioni, e inevitabilmente e comprensibilmente (da genitore) assaporo depressione che si allevia col continuo ripetere… Frankie riuscirà fare altro.

Vedo una via (ma… facile che sia solo nella mia immaginazione) è stretta ma mi ci infilerò!
Io con la mia fotografia

e Frankie, il ragazzo che non conosce l’odio, con la sua presenza e dolcezza

magari in quella via incroceremo chi ci darà opportunità…

opportunità, non elemosina nè pietà,
ma si accettano miracoli

>> tap x info Attività

e grazie di cuore a chi mi sostiene

tap la discussione per l’articolo

Gli ingenui non sapevano che l’impresa era impossibile, dunque la fecero.” (Bertrand Russel)

disabile non si legge diverso

I have a dream!
Quale sogno? No, non é l’essere annoverato tra i grandi come fotografo (non ho tale presunzione), ma sogno un futuro dignitoso per un disabile,… per chi dicono che “normale” non è. Un ruolo, magari da modello, per Frankie in questo film dovrà pur esserci…
non può essere destinato ad essere additato esclusivamente come disabile e accantonato perché ritenuto “idoneo a niente”!

Frequentemente vedo in tv ciò che i suoi coetanei riescono a fare con le loro esibizioni, e inevitabilmente e comprensibilmente (da genitore) assaporo depressione che si allevia col continuo ripetere… Frankie riuscirà fare altro.

Vedo una via (ma… facile che sia solo nella mia immaginazione) è stretta ma mi ci infilerò!
Io con la mia fotografia

e Frankie, il ragazzo che non conosce l’odio, con la sua presenza e dolcezza

magari in quella via incroceremo chi ci darà opportunità…

opportunità, non elemosina nè pietà,
ma si accettano miracoli

>> tap x info Attività

e grazie di cuore a chi mi sostiene

tap la discussione per l’articolo

Che gran salto di qualità per la società, se, nella quotidianità, non tratterà piú come straordinaria la considerazione di chi ha esigenze particolari (e che gran fatica riuscire a non usare il termine “diverso“!)

Gli ingenui non sapevano che l’impresa era impossibile, dunque la fecero.” (Bertrand Russel)

Categorie
fineart photography Fotografia fotografo

il Mondo è “fatto”… a Scale (fine art photography)

fine art photography con soggetti in posa (più o meno) realizzate generalmente in Molise (e qualche Street altrove).

una recensione di Michele Govoni

La fine art photography a colori di Marco Di Domenico sembra voler indagare uno degli aspetti della cultura della contemporaneità:

la totale assenza, nella società contemporanea, di condivisione dei sentimenti, delle frustrazioni, delle problematiche più profonde.

Pur “riempiendoci la bocca” di parole che rimandano al condividere con gli altri contenuti, non esitiamo a continuare a competere gli uni gli altri per il raggiungimento di un primato che, in un modo o nell’altro, va a danno di qualcun altro.

Ecco allora il titolo della fotografia, ricavato da quanto è scritto sul cartello che compare nella fotografia stessa.
Un condivisione che manca e che può riassumersi in una coppia di artisti di strada che si prepara per una piccola esibizione: l’uomo di spalle incarna il capo (sul cappello ha scritto “boss”), la ragazza si affaccenda per trasportare una freccia rossa che indica verso la sinistra dell’opera.

A destra, invece, un’immensa palla azzurra, stesso colore del cielo, è legata con una corda che attraversa tutta la fotografia.

Dell’opera di Di Domenico si apprezzano molteplici aspetti: dai possibili significati che possono in essa ritrovarsi, a partire dal titolo, alla ricerca legata ai singoli protagonisti dell’immagine, in stretta correlazione tra loro.

Ciò che ancor di più esalta lo spettatore sono la composizione dell’immagine, il gioco del mosso, il suo dinamismo formale, il gioco dei rimandi cromatici particolarmente vividi.

Un’immagine reale, quindi, che nasconde dietro di sé profonde costruzioni fotografiche, per un’immagine a forte impatto.

Castiglione di Carovilli, agosto 2019

>> per la mostra tap qui

“non parlatemi di fotografia con uno smartphone in mano: ė come il dire di una pietanza assaggiata col naso tappato”

friends (ritratti di strada)

Ritratti di Strada, ovvero… cosí come esci di casa, con la luce che fuori trovi.

(Street Portraits)


…di strada perché modelle e modelli non sono in uno studio fotografico e si presentano con il loro aspetto spontaneo del momento (o in posa se richiesto e/o concesso).

Non realizzo riprese in studio (il mio studio é la strada), la caratteristica dei miei ritratti é l’esatta realtà di luce naturale e all’aperto.

p.s.: di un ulteriore studio fotografico, a mio parere, non se ne sente il bisogno (sono sufficienti quelli che già ci sono).

>> tap qui, se ti interessa, posso farti delle fotografie